Questa frase mi sembra racchiudere l’essenza di quello che rappresenta un percorso di scoperta di Sè.

Non a caso, la citazione è di Giovanni Liotti, uno dei padri del cognitivismo italiano, psichiatra, psicoterapeuta e grande maestro.

Spesso ci sentiamo intrappolati e vittime di dinamiche che ci fanno soffrire, viviamo i nostri stati emotivi come non modificabili e causati dall’esterno. Un percorso di psicoterapia può aiutare a cambiare prospettiva, a guardare ai propri comportamenti, pensieri ed emozioni in modo onesto e consapevole.

E fare pace anche con quelle parti di noi che non ci piacciono e che vogliamo nascondere, prima di tutto a noi stessi. Perché ogni pezzettino di quello che siamo oggi, ha un senso e un valore e si inserisce all’interno della nostra storia di vita.

Per riuscire a fare tutto questo però, è necessario avere fiducia che il cambiamento sia possibile. Che è possibile tornare a stare meglio, lavorando su di Sè.

Spesso si pensa che chiedere aiuto psicologico sia segno di debolezza o, ancora peggio, di “pazzia”. In realtà è un atto di amore verso sé stessi, che richiede coraggio e fiducia.

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *